mercoledì 9 luglio 2008

"Mission impossible " : il K2

Quando si parla di missioni impossibili si intende comunque di un qualcosa di molto difficile, con poche possibilità di riuscita...insomma "pane per i miei denti".
A parte la battuta, questa volta penso di essere veramente in una missione "difficile".
Il K2,nel Karakorum, la montagna per eccellenza, una stupenda piramide, enorme, maestosa, impressionante, una vera prova alpinistica per chi vuole affrontarla. Pensate che il 25% di chi ha tentato la scalata...non è più tornato a casa!
E' comunque un vanto per noi Italiani, i primi a raggiungere la vetta il 31 luglio 1954 furono infatti due italiani, Compagnoni e Lacedelli nella famosa spedizione di A.Desio.
La seconda del mondo in altezza (8611 mt.) ma la più difficile in assoluto.
In FSX nessuno ha mai tentato lo scenario, almeno cercando in rete non ho trovato nessun scenario ne free ne pay che comprende questa zona...e allora sono stato tentato, molto tentato di provare! (sarei anche in questo caso il primo e..italiano).
La ricerca di materiale per la costruzione dello scenario è stata molto deludente.
Non esistono ortofoto (tali per questo nome)...questa sotto sarebbe la migliore?!?!

Chiamarla ortofoto è una bella pretesa...purtroppo è l'unica che almeno fa vedere qualche contorno. Fortunatamente ci sono delle buone DEM (livelli del terreno) che permettono di andare avanti nel progetto. E' possibile recuperare il file, grazie al lavoro di Ferranti e Sandman che hanno ricostruito le DEM della zona del Karakorum, ed ecco il risultato con applicata l'ortofoto:

Questo K2 non è certo all'altezza della sua fama...E' a questo punto che inizia il mio lavoro.
Ricerca di materiale fotografico: molto buono per la parete SUD,SUd-Ovest, scarso per la parete NORD, Nord-Ovest, quasi nullo per il versante EST. In pratica il 90% delle foto del K2 sono riprese dal versante Pakistano, mentre le altre zone sono poco fotografate, probabilmente perchè poco acessibili
Insomma un inizio progetto molto travagliato ma con qualche possibilità.
Il foglio di lavoro in questo caso è di media grandezza, tale da permettere una buona risoluzione (non al livello del M.Bianco ovviamente) e che dia la possibiltà di un buon dettaglio. Ho scelto di limitare lo scenario (per ora) al solo K2, è comunque un'area notevole come dimensione (paragonabile a metà gruppo del Bianco).
Ecco (ridotto ovviamente) il foglio di lavoro come si presenta all'inizio, con tutti i punti di riferimento che occorrono (le linee nere). La georeferenza rispecchia le coordinate dell'ortofoto originale da dove è ricavato il foglio di lavoro.

Nelle prossime serate le prime immagini della "spedizione K2".

Nessun commento: