mercoledì 29 gennaio 2014

Progetto EVEREST 3D

Dopo un po' di notizie sulla storia e l'attuale "mondo" che circonda l'EVEREST ecco in sintesi il mio progetto:
Costruzione dei modelli in 3D di EVEREST, LHOTZE, NUPTZE, PUMORI, MAKALU, BARUNTZE, AMA-DABLAN.
ipotesi di ampliamento da verificarne la fattiblità:
scenario base rielaborato di tutta la zona dell'Everest.
Aeroporto di LUKLA e tutto il villagio in 3D (con l'aiuto di Paolo Rota)
Come detto quest'ultima parte va ancora verificata in base a tanti fattori. Si tratta di un progetto ambizioso e non sono sicuro che FSX riuscirà a "reggere il peso" di tutto. Anche questo rappresenta un buon esperimento. Ci vorrà parecchio tempo ma credo che ne valga la pena.
Se volete controllare l'EVEREST ... c'è una webcam del CNR piazzata verso la Sud-Ovest LINK
Ecco le immagini di ieri/oggi :

Notare l'Everest quasi "nudo", siamo nel periodo pre-monsonico, nell'immagine di ieri ben visibile la famosa fascia gialla oltre gli 8000 mt.

venerdì 24 gennaio 2014

EVEREST 3D... continua

...dicevamo: ma è proprio così facile scalare l'Everest?
Direi proprio di no! Ci sono vari aspetti da considerare: innanzitutto occore essere in perfetta salute, l'altitudine e le rigide temperature mettono a dura prova qualunque organismo, immaginarsi poi di non essere in buone condizioni.
Il secondo aspetto è quello logistico, occorre una perfetta organizzazione, sia nei tempi che in quello che occorre. Soltanto per ottenere il permesso di soggiorno sul territorio Cinese o comuqnue Nepalese, occorrono talora dei mesi. L'attrezzatura alpinistica e logistica (Tende termiche, bombole Ossigeno, vestiario...) deve essere adatta alle condizioni climatiche. I viveri, acqua, medicinali, vestiario di scorta... devono essere accuratamente pianificati e preparati. Insomma non è senz'altro una crocera rilassante!
Un ultimo aspetto, talvolta decisivo per accettare o meno l'avventura... è il costo. Pensate che il solo permesso può anche costare 25.000$ (soprattutto per il versnate Nord-Cinese). Se si aggiungono i costi dell'attrezzatura necessaria, i trasporti vari e tutta la logistaica si può arrivare facilmente a 100.000$. Ma l'Everest senz'altro li vale tutti!
Comuqnue guardando questa foto in prossimità della cima... disposti a spendere questa cifra ce ne sono parecchi!
Alcune curiosità: sono saliti sulla cima (dal 1953) oltre 5200 scalatori, 220 i deceduti e rimasti a perenne memoria sulla montagna. La più giovane a salire in vetta è stata una quindicenne tibetana e il più anziano un nonnino giapponese di 80 anni! Quasi tutti scalano con uso di bombole Ossigeno, il primo a non usare l'O2 è stato il grande Reinhold Messner, tra l'altro il primo in assoluto a scalare tutti gli ottomila con spedizoni leggere "tipo alpino". Ma la maggior parte sono Alpinisti di tutte le età e con grandi ambizioni più che capacità.
Il problema dell'Everest sta diventando il super-affollamento ai campi base e la grande quantità di rifiuti. Queste foto sono un esempio vergognoso di come NON si deve lasciare una montagna.

Un vero scempio della natura, ...avranno pure scalato l'Everest ma come uomini di montagna non sono per nulla d'esempio!.
Nel prossimo post inizierò a spiegare il progetto EVEREST 3D!...per FSX.

martedì 21 gennaio 2014

Progetto EVEREST 3D

Come già anticipato, ci trasferiamo in Himalaya e proprio sul tetto del mondo!...l'EVEREST!
Da oggi inizia una bella avventura che ci porterà sulla cima più alta e non solo, conosceremo tutta la zona attorno all'Everest, le creste del Lhotze e del Nuptze, il grande Circo, i campi base a Nord e a Sud da dove partono tutte le spedizioni alla conquista del grande monte.
Chiamato Chomolungma dai Tibetani è alto 8848 mt. (misura recente confermata) che varia a seconda della quantità di neve sulla cima, di circa 4 mt (8852).
Forma piramidale, geologicamente molto interessante composta per la maggior parte da granito nero molto compatto ma verso gli 8000 mt. è possibile notare la "famosa fascia gialla" una zona di color giallo-arancio tipica dei sedimenti calcari.
Si pensa all'Everest come una montagna tutta innevata e ghiacciata, vista la grande altezza, ma in realtà gran parte dell'anno l 'Everest è "nudo". Ecco una foto della versante Nord (Cinese) che sicuramente vi meraviglierà:

Sì!, questo è l'Everest! La spiegazione di questo fenomeno naturale (Everest nudo) che tra l'altro dura alcuni mesi, è facilmente riconducibile alle 3 grandi stagioni che caratterizzano l'Himalaya. Da ottobre a febbraio con basse temperature e forti venti, da maggio a giugno con temperature più elevate e da giugno a settembre con l'umida stagione monsonica caratterizzata da violente piogge.
Proprio in questo periodo (gennaio -febbraio)in assenza di precipitazioni, le bassisime temperature (anche -60°) e i forti venti polverizzano la neve e la spostano nei canaloni e negli anfratti, lasciando libera quasi completamente la roccia. Questo fenomeno, paradossalmete è più presente alle grandi altezze e meno tra i 5000-7000 mt., spiega perchè l'Everest rimane "nudo" per alcuni mesi dell'anno.
Anche il versante SUD-Ovest (quello Nepalese) ha le stesse caratteristiche, ecco una foto ripresa dal campo base:

Ben visibile la fascia gialla anche sulla parete Sud-W. In pratica la montagna più alta del mondo senza neve!...proprio così!
Potete controllare ogni giorno il tempo sull'Everest, grazie alla WebCam del CNR piazzata proprio sul versante Sud-W ecco il LINK:
Nel periodo Monsonico, che dura fino a 4 mesi, le precipitazioni sono abbondanti e l'Everest si "veste a festa" stracolmo di neve!:

Forse questa è un'immagine più famigliare e anche più logica, ma se devo essere sincero l'Everest "roccioso" mi affascina di più, sarà che mi ricorda vagamente le mie rocce Dolomitiche...comuqnue un'immagine insolita e nello stesso tempo spettacolare!
Brevemente la storia alpinistica: Tutti sanno i nomi dei primi scalatori che nel maggio del 1953 conquistarono la vetta: il neozelandese Edmund Hillary e lo Sherpa Tenzing Norgay, ma pochi sanno che forse già nel 1924 2 inglesi George Mallory e Andrew Irvine, riuscirono nell'impresa, ma purtroppo morirono nella fase di discesa. Ecco una foto di Hillary e Tenzing al ritorno dalla cima:

L'Everest oggi è diventato una meta turistica-alpinistica estrema. Molte agenzie di tutto il mondo organizzano spedizioni e nei periodi da marzo a maggio si contano fino a 50-60 spedizioni contemporanee. Proporio per evitare i periodi più brutti dell'anno molte spedizioni si concentrano negli stessi mesi, i campi base diventano dei paesi multi-lingua e si contano fino a 4-500 persone.
Non è certo un bel vedere, soprattutto quando 160 alpinsiti di tutte le nazionalità partono per la cima, vedi sotto:

Ancora peggio l'attesa nell'unico punto un po' difficile e pericoloso della scalata, il passaggio Hillary, si contano fino a 60 alpinisti in contemporanea impegnati nel passaggio:

questo comporta fino a 2 ore di attesa per poter salire le corde fisse...e a quell'altezza non è di certo una situazione agevole.
Passato lo step Hillary la cresta diventa facile e si raggiunge facilmente la vetta... ma lo spettacolo grandioso e unico si mescola con una vera e propria "discarica", ecco attualmente com'è la cima dell'Everest:

Non certamente una visione edificante... ma è la cima più alta del mondo, quindi tutti vogliono lasciare un ricordo. Inutile immaginare tra 10-20 anni cosa sarà!
Ma allora è così facile salire sul tetto del mondo?...
.... continuerò nel prossimo post...

sabato 18 gennaio 2014

Da oggi disponibile lo scenario dell'Eiger 3D + la zona Svizzera Sud

Disponibile con le solite modalità (free via email) lo scenario dell'Eiger 3D + la zona della Svizzera Sud. Lo scenario si collega direttamente allo scenario della val d'Aosta - HD. Oltre all'autogen abitativo e boschivo è stato ricostruito il villaggio di Kleine-Scheidegg (da Paolo Rota), come di recente presentato, che comprende anche le texture nottrune. La zona coperta è abbastanza vasta e comprende diversi piccoli aeroporti, ideale per voli VFR. Ecco la mappa con l'itinerario consigliato di oltre 300 km.
L'itinerario parte da Aosta e attraverso la Valtournenche supera il Cervino, si dirige verso Zermatt, ne segue tutta la valle poi esce nella grande vallata che si percorre fino alla fine, virata a sinistra e passaggio verso l'aeroporto di Meiringen, superato il lago di Brienz, atterraggio consigliato a Interlaken. Da lì consiglio di visitare il villaggio di Kleine-Scheidegg e l'Eiger 3D.
Il ritorno può essere fatto con lo stesso percorso al contrario oppure oltre il lago di Thun verso la valle a sinistra e superato un passo di nuovo verso la grande vallata ....(vedi mappa indicata)
Nel testo per l'installazione che riceverete alla vostra richiesta, seguire tutte le indicazioni e le varie precisazioni.
Buon volo sull'Eiger 3D!

sabato 11 gennaio 2014

Il capolavoro di Paolo

Come vi avevo anticipato nei precedenti post, l'amico Paolo Rota ha ricostruito in modo eccellente il villagio turistico-sciistico di Kleine-Scheidegg, ai piedi dell'Eiger.
Si tratta di una ricostruzione molto dettagliata e precisa, con tutti gli edifici presenti realmente e nella posizione esatta.
Sarà inserito nello scenario della Svizzera-SUD di prossima pubblicazione.
Un grande grazie a Paolo e un "plauso" per l'eccellente qualità raggiunta.
Ecco alcune immagini con il villaggio già inserito nello scenario:

lunedì 6 gennaio 2014

6° anniversario del Blog

Beh! Non potevo dimenticare che 6 anni fa (il 6 gennaio 2008) iniziava la mia avventura in rete con il Blog "Scenari Alpini per FSX".
Tanti scenari sviluppati, una grande esperienza acquisita, tanti amici ...in poche parole il riassunto di 6 anni di puro hobby.
Ci sono stati momenti di difficoltà ma superati grazie anche all'incoraggiamento degli amici più sensibili e riconoscenti.
Insomma questo FSX....dato per "quasi morto" dopo 2 anni, nel 2008 infatti non godeva di molta popolarità, FS9 rimaneva ancora di gran lunga il simulatore più "gettonato", ora sta rivivendo una "seconda giovinezza" ... certamente grazie a tanti ottimi sviluppatori, ma considerando che si tratta di un software di 8 anni fa, è sempre più sorprendente!

Spero di poter continuare con la stessa costanza. Nel 2014 ci saranno delle novità...vedremo "cammin facendo"
...intanto Buona Epifania... e Buona befana!!

mercoledì 1 gennaio 2014

Felice 2014!!

Buon 2014 a tutti!!... un sincero augurio per un sereno e felice anno nuovo! Anno nuovo e progetti nuovi! Cosa ci sarà di nuovo per quest'anno? Dopo la Svizzera Sud collegata alla Val d'Aosta, faremo un salto in Himalaya per una nuova avventura sul tetto del mondo, ma questa volta in 3D! seguirà un altro collegamento , più ad Ovest tra Svizzera e Val d'Aosta (M.Bianco) e poi il completamento delle Dolomiti con il Gruppo del Brenta e del vicino gruppo Adamello- Presanella... Intanto per fine mese ci sarà la Svizzera Sud...ecco qualche anteprima: