sabato 9 aprile 2011

...altri progetti!

Dopo una settimana dall'uscita dello scenario in 3D delle Tre Cime di Lavaredo...non possiamo certo dire che abbiamo fatto "bingo"... anzi.
Sapevamo che il piccolo costo poteva condizionarne la diffusione, ma del resto siamo anche consapevoli di aver fatto un buon prodotto, pur piccolo ma molto suggestivo. Uno dei più bei panorami delle Dolomiti e forse anche uno dei posti più fotografati in assoluto. Lo scenario, anche se piccolo può permettere delle ottime "escursioni aeree", ovviamente inutile e ridicolo sorvolare la zona con un F18 (come mi è stato detto).
Le Tre Cime, con i suoi 3 rifugi e tanti altri oggetti sparsi per tutto lo scenario, permette degli ottimi "voli" con elicottero, deltaplano, parapendio, aliante...insomma con tutto quello che va piano per un esaltante e rilassante volo sulle Cime più belle delle Dolomiti e forse anche del mondo...consiglio di vedere il Blog di Elio (il Professore) che interpreta in modo perfetto lo "spirito" dello scenario. Consiglio inoltre di "scattare" delle ottime foto, che potrebbero "gareggiare" con merito in qualunque concorso fotografico di FSX (molti forum hanno spesso questi concorsi)...come miglior screenshot panoramico.

Per gli altri progetti, abbiamo diverse idee e anche qualche altra novità...come ad esempio scenari di montagna con funivie funzionanti...e altro ancora.
Indubbiamente saremo anche un po' condizionati da come va la "diffusione" delle Tre Cime, che rappresenta comunque una "pietra miliare" nella costruzione di scenari per FSX... e certamente una buona diffusione ...vuol dire anche un buon gradimento e apprezzamento del nostro lavoro.

13 commenti:

Elio ha detto...

Non so, non vorrei aprire una polemica ma credo sia necessaria una riflessione sul sistema payware/freeware.
Temo che molti simmers si irrigidiscano di fronte ad un prodotto a pagamento non tanto per la cifra in se stessa quanto per questioni di principio. Voglio dire, sommersi – per fortuna – da una miriade di prodotti gratuiti (velivoli, scenari, utilità) tendiamo – mi ci metto anche io – a considerare il freeware un diritto acquisito e il payware un sopruso, una tassa ingiustificata messa sul nostro hobby.
Io penso che il freeware sia il frutto e l’orgoglio della passione di tanti amici che sono sul web; può capitare anche, però, che la passione porti a concepire progetti sempre più ambiziosi, per i quali i mezzi in possesso, hardware e software, non sono più sufficienti. Che fare, allora? Ecco che può nascere l’idea di chiedere un contributo agli altri, un modo – almeno io la vedo così – per allargare la sfera di quanti partecipano al progetto. Io, che ho acquistato il Dolomiti X-Tra Cime, non mi sento un semplice cliente-consumatore ma, scusate l’ambizione, un socio del Team Reale Earth X, perché ho contribuito, con una cifra modica, a far sì che le Tre Cime vedessero la luce. Ed è anche per questo che ci volo sopra con particolare orgoglio.

Frank Dainese ha detto...

Grazie Elio,
una voce, che io ritengo autorevole,...fuori dal coro...ci voleva!!

Maury ha detto...

Come non darti Ragione Elio...Io continuo a dire che solo partecipando si possa avere degli Ottimi prodotti...quelli che vogliono tutto gratis continuino a volare con gli aerei di carta sul " Nulla"

Ciao e salutoni da..
Maury

michele ha detto...

Sono daccordo con Elio. Avevo scritto un lungo post ma purtroppo il blog se l'è mangiato e non ho tempo per rifarlo. Cmq il concetto era lo stesso.

Sergio Scarantino ha detto...

Totalmente d'accordo con Elio. Frank quella decisione non l'ha presa alla leggera. Poteva prebderla molto prima e ha resistito. Io sono stato contento di versare èpochi euro per un prodotto stupendo, che è il più bell'omaggio che si poteva fare a una terra incantevole. Mi dispiace sentire che siamo in pochi ad aver aderito. Forse il sito che è stato scelto per commercializzare era un po' confuso per qualcuno, che si è visto spinti verso PayPal, che io personalmente detesto. Ma c'era anche la normale opzione con credit card. Il modello delle Tre Cime è un gioiello, e lo sappiamo tutti. Chi critica non sa di cosa parla, temo.
Non scxoraggiatevi e continuate. E, se necessario..alzate i prezzi! Almeno un fan lo avrete sempre, nel sottoscritto.
A quando il vero cimento? L'arco di montagne intorno a Cortina?
sergio

Frank Dainese ha detto...

Grazie ancora a tutti,
mi fa molto piacere sentire di avere molti amici...che hano capito benissimo il nostro pensiero. Non è stato facile prendere questa decisione, ma eravamo un po' costretti...almeno per le spese.
Un unico rammarico, purtroppo, pochissimi siti italiani e soprattutto nessun forum parla del nostro lavoro, siamo italiani (apprezzati da tutto il "mondo simmer") e propbabilmente il vecchio detto "nemo propheta..."
Comunque ancora un grazie a Elio, Maury, Michele e Sergio.

François ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
François ha detto...

Alcuni pensieri del piccolo editore. Io sono sconosciuti a molti, in Italia sono sicuro :-)
In realtà, FSAddon è gestito dallo stesso uomo che era dietro simFlight.com per 9 anni. E io sono un veterano 35 + anni di Flight Simulator. Ma, sempre scrivendo in inglese, non francese o italiano. Sorry.
Se siete curiosi, visitate il mio sito all'indirizzo www.silvercloudpublishing.com, www.FSAddon.eu, e www.EuropeRides.com, solo per citarne alcuni ;-)

Consente di non avviare il dibattito senza fine su freeware e payware.
La storia ci ha dimostrato ora che commerciale add-on hanno un mercato reale. simMarket sola è la vendita di molti milioni del valore di essa ogni anno, e che è solo uno DISTRIBUTO! La comunità 'solo freeware', infatti, è una minoranza.

Io stesso sono un flightsimmer, dal 1976, infatti, e credo che lui hobby non può fare senza freeware. Inoltre, non esisterebbe nella sua forma attuale, senza prodotti commerciali. I due hanno bisogno l'uno e noi meglio essere realistici e che ackowledge.



Allora perché un piccolo editore / distributore?
Beh, per prima, è più conveniente. I distributori ben noti sono diventati molto avido, cioè molto costosi. FSAddon non lo è.
Un altro motivo importante è che io sono una compagnia di un uomo, e io stesso flightsimmer. Un fanatico, anche.
In terzo luogo, il halmark FSAddon è 'supporto'. Io credo che l'assistenza clienti al cliente = satsfaction. E questo è il bene più importante di ogni azienda!

Ultimo ma non meno importante, è la scelta della Terra Real Team. Penso che loro sentono lo stesso sulle questioni sopra come faccio io :-)



Ora, per i prodotti.
Sono d'accordo che 13 euro per 'solo' alcune montagne sono un sacco di soldi. Anche 10 euro per uno dei paesaggi prodotto può sembrare molto.
Ma, il livello di realismo è straordinario e come qualcun altro ha osservato, al prezzo di una buona pizza può avere molte, molte serate di grandi voli!

Una volta che la serie comincia a crescere il paesaggio DolomitiX fornirà una vasta area di volare nelle condizioni più realistiche. E accoppiato al paesaggio FranceVFR e forse quella di Flylogic, le Alpi può essere la nostra casa virtuale!

Come Frank sono un po 'deluso dalle vendite in corso. Sono anche deluso dalla mancanza di entusiasmo di simmers soprattutto italiani. Deluso, ma non sorpreso. Ho esperienza e so che i mercati latino sono molto difficili.
Forse, come in Francia i simmers italiane sono troppo vicine alla realtà di apprezzare la versione virtuale?

Io ei miei amici bush pilot Alaskan volanti sono veramente impressionati dalle Alpi. Ho una casa nelle Alpi francesi e per me è il miglior posto dove stare, punto. E ora anche nel mondo virtuale!

Consente di diffondere la parola e avere il suo posto DolomitiX nel 'workd simming' che merita, insieme al Orbx, il FranceVFR, i Fiordi Tongass (!) E molti altri prodotti meravigliosi e luoghi.

Mi impegno a farne un successo e spero di vedere molti nuovi clienti, unisciti a noi!

Frank Dainese ha detto...

Grazie Francois, per il tuo intervento.
Condivido pienamente tutto quello che hai scritto, e spero che il tuo e il nostro entusiamo, diventi contagioso per tutti.
un caro saluto
Frank

marco409 ha detto...

I miei più vivi complimenti per lo scenario, da la sensazione di volare davvero vicino a queste meravigliose montagne.
Come sempre un ottimo lavoro svolto per la gioia dei simmers. Il prezzo davvero esiguo per un pezzettino della nostra bellisima Italia.
Spero presto in altri scenari che vadano a completare le Dolomiti e poi speriamo.......... Per la favolosa Valle d' Aosta!!!!
Un piccolo appunto: nel volare vicino alle tre cime con l'elicottero, il simulatore mi rileva un pò di collisioni tanto che sono stato costretto a disattivare nel realismo gli incidenti.
Comunque, scenario favoloso e complimentissimi agli autori Frank, Dario e Daniele. Forza Ragazzi!!!

Roberto ha detto...

Ciao a tutti! Voglio ringraziare anch'io il team per lo stupendo scenario, per il resto non ho molto da aggiungere sulla questione, visto che concordo pienamente con quanto già scritto negli interventi precedenti.
@Frank: mi spiace molto che il messaggio che avevi messo sul forum di Fsx sia stato cancellato. E' evidente che l' admin non ha compreso... mi piacerebbe fare un po di pubblicità allo scenario, ma temo che farebbe la stessa fine :-(
Da parte mia non posso che continuare a darvi il mio sostegno morale (per quel che vale).

Robby

Daniele Tona - flyStudio ha detto...

Cari simmer non voglio entrare nella polemica del prezzo, del costo dello scenario. Il mio disappunto che mi rattrista tantissimo è il completo disinteressamento di quasi tutti i siti italiani che si occupano di simulazione di volo (FSX o XPL). Pochi giorni fa abbiamo celebrato l'Unità d'Italia ma sembra che di questa unità ci sia ben poco. Io sono molto fiero dei prodotti made in Italy: anche quando vado all'estero so di rappresentare un grande Paese ricco di storia ma anche ricco di grandi idee e persone. Sembra invece che è meglio elogiare un prodotto tedesco (magari fatto da cani) che un prodotto italiano fatto da italiani (e lasciatemelo dire...un buon prodotto! con una punta d'orgoglio!).
Credevo e speravo in un più caloroso benvenuto ad un progetto come Dolomiti X da parte degli italiani.
Probabilmente sono tutti indaffarati a cercar di far girare scenari che non gireranno mai o a smanettare su pulsanti e manuali dicendo poi che sono dei piloti certificati IFR e perdendosi la nostra straordinaria Italia.

GIORGIO ha detto...

Frank complimanti anche da parte mia, nn sono riuscito ancora a comprare lo scenario perchè stò mettento da parte i soldi per altro, cmq nn vedo l'ora di prenderlo !! =)