mercoledì 31 luglio 2013

...Precisazioni e News

Ricevo spesso email di amici che mi chiedono la compatibilità dei miei scenari con altri, sia di tipo fotorealistico che semplicemente con altre mesh.
La costruzione di scenari implica inevitabilmente delle scelte riguardanti: la risoluzione (in mt/pixel), il dettaglio, la colorazione, le mesh e tanti altri aspetti.
Per un volo VFR, quindi a bassa quota, il dettaglio deve essere molto elevato e la colorazione deve avere una saturazione molto realistica. A questo proposito ci sono molte variabili e talora differenze di gusto notevoli. FSX ha la tendenza, rispetto a Xplane, ad esaltare la saturazione e rendere i panorami iper-realistici...
Un altro aspetto, determinante nella buona riuscita, sono le mesh (dettaglio dei livelli del terreno). Le famose LOD11, ormai uno standard, sono un buon compromesso tra dettaglio e qualità.
Dobbiamo sempre ricordare che siamo in un simulatore di volo, quindi la visione del panorama, ad eccezione degli aeroporti, deve essere buona da una certa distanza (qualche centinaio di metri), infatti le texture, ad esempio per le montagne 3D, sono ricavate da foto scattate da diverse centinaia di metri, quindi diventa inutile avvicinarsi a pochi metri dalle rocce...il risultato sarà senz'altro di qualità scadente.
Tornando al problema della compatibilità, i miei scenari hanno il solo scopo per voli VFR, quindi diventa inutile pretendere la compatibilità con altri scenari. Il volo VFR o volo a vista(Visual Flight Rules) è limitato per estensione e normalmente uno scenario con questo scopo deve avere almeno un aeroporto e/o aviosuperficie per decolli e atterraggi.
Differenze di colorazione, sia stagionali che non, creano un "disagio visivo" che rendono il nostro volo spesso poco gradevole. Interruzioni, scalini, salti, slavature... dipendono dalla scelta delle mesh e spesso la qualità dello scenario viene compromessa da una scelta sbagliata.
Mesh con forte dettaglio, ad es. LOD14, creano il fastidioso aspetto delle texture "slavate a scalino" proprio per la caratteristica di creare più livelli ravvicinati. Solo la ricostruzione in 3D con adeguate texture può superare questo problema, unicamente presente per le montagne, soprattutto con pareti verticali.
L'attuale scenario in costruzione , La Val d'Aosta con le montagne principali in 3D, ha proprio lo scopo di superare queste problematiche, come lo è stato per il grande progetto, ormai terminato, delle Dolomiti 3D.
Qualche anno fa avevo fatto uno scenario della Val d'Aosta, di tipo fotorealistico con le montagne ricostruite con un sistema di applicazione texture originale (prospettico).
Il dettaglio era un po' scadente (2 mt/pixel) e la colorazione scelta era più adatta ad un volo ad alta quota meno VFR.
Una comparazione tra i 2 scenari mette in risalto il salto di qualità e l'evoluzione dei sistemi di costruzione, pur mantenedo lo stesso simulatore di volo.

Il dettaglio dell'attuale costruzione (3D) è notevolmente aumentato, la scelta delle texture e la colorazione...decisamente più piacevole.

.
Lo scenario "prima parte della Val d'Aosta+M.Bianco 3D+zone di confine Francese e Svizzera" sarà disponibile nel mese di settembre solo esclusivamente sul forum di aviazione-simulata-reale "scenari di Frank"
Vi invito comunque a partecipare già da subito per discussioni o suggerimenti...il forum è in continua crescita e aperto a tutti.

Nessun commento: