martedì 21 gennaio 2014

Progetto EVEREST 3D

Come già anticipato, ci trasferiamo in Himalaya e proprio sul tetto del mondo!...l'EVEREST!
Da oggi inizia una bella avventura che ci porterà sulla cima più alta e non solo, conosceremo tutta la zona attorno all'Everest, le creste del Lhotze e del Nuptze, il grande Circo, i campi base a Nord e a Sud da dove partono tutte le spedizioni alla conquista del grande monte.
Chiamato Chomolungma dai Tibetani è alto 8848 mt. (misura recente confermata) che varia a seconda della quantità di neve sulla cima, di circa 4 mt (8852).
Forma piramidale, geologicamente molto interessante composta per la maggior parte da granito nero molto compatto ma verso gli 8000 mt. è possibile notare la "famosa fascia gialla" una zona di color giallo-arancio tipica dei sedimenti calcari.
Si pensa all'Everest come una montagna tutta innevata e ghiacciata, vista la grande altezza, ma in realtà gran parte dell'anno l 'Everest è "nudo". Ecco una foto della versante Nord (Cinese) che sicuramente vi meraviglierà:

Sì!, questo è l'Everest! La spiegazione di questo fenomeno naturale (Everest nudo) che tra l'altro dura alcuni mesi, è facilmente riconducibile alle 3 grandi stagioni che caratterizzano l'Himalaya. Da ottobre a febbraio con basse temperature e forti venti, da maggio a giugno con temperature più elevate e da giugno a settembre con l'umida stagione monsonica caratterizzata da violente piogge.
Proprio in questo periodo (gennaio -febbraio)in assenza di precipitazioni, le bassisime temperature (anche -60°) e i forti venti polverizzano la neve e la spostano nei canaloni e negli anfratti, lasciando libera quasi completamente la roccia. Questo fenomeno, paradossalmete è più presente alle grandi altezze e meno tra i 5000-7000 mt., spiega perchè l'Everest rimane "nudo" per alcuni mesi dell'anno.
Anche il versante SUD-Ovest (quello Nepalese) ha le stesse caratteristiche, ecco una foto ripresa dal campo base:

Ben visibile la fascia gialla anche sulla parete Sud-W. In pratica la montagna più alta del mondo senza neve!...proprio così!
Potete controllare ogni giorno il tempo sull'Everest, grazie alla WebCam del CNR piazzata proprio sul versante Sud-W ecco il LINK:
Nel periodo Monsonico, che dura fino a 4 mesi, le precipitazioni sono abbondanti e l'Everest si "veste a festa" stracolmo di neve!:

Forse questa è un'immagine più famigliare e anche più logica, ma se devo essere sincero l'Everest "roccioso" mi affascina di più, sarà che mi ricorda vagamente le mie rocce Dolomitiche...comuqnue un'immagine insolita e nello stesso tempo spettacolare!
Brevemente la storia alpinistica: Tutti sanno i nomi dei primi scalatori che nel maggio del 1953 conquistarono la vetta: il neozelandese Edmund Hillary e lo Sherpa Tenzing Norgay, ma pochi sanno che forse già nel 1924 2 inglesi George Mallory e Andrew Irvine, riuscirono nell'impresa, ma purtroppo morirono nella fase di discesa. Ecco una foto di Hillary e Tenzing al ritorno dalla cima:

L'Everest oggi è diventato una meta turistica-alpinistica estrema. Molte agenzie di tutto il mondo organizzano spedizioni e nei periodi da marzo a maggio si contano fino a 50-60 spedizioni contemporanee. Proporio per evitare i periodi più brutti dell'anno molte spedizioni si concentrano negli stessi mesi, i campi base diventano dei paesi multi-lingua e si contano fino a 4-500 persone.
Non è certo un bel vedere, soprattutto quando 160 alpinsiti di tutte le nazionalità partono per la cima, vedi sotto:

Ancora peggio l'attesa nell'unico punto un po' difficile e pericoloso della scalata, il passaggio Hillary, si contano fino a 60 alpinisti in contemporanea impegnati nel passaggio:

questo comporta fino a 2 ore di attesa per poter salire le corde fisse...e a quell'altezza non è di certo una situazione agevole.
Passato lo step Hillary la cresta diventa facile e si raggiunge facilmente la vetta... ma lo spettacolo grandioso e unico si mescola con una vera e propria "discarica", ecco attualmente com'è la cima dell'Everest:

Non certamente una visione edificante... ma è la cima più alta del mondo, quindi tutti vogliono lasciare un ricordo. Inutile immaginare tra 10-20 anni cosa sarà!
Ma allora è così facile salire sul tetto del mondo?...
.... continuerò nel prossimo post...

Nessun commento: