sabato 19 gennaio 2008

Alcune considerazioni sugli Scenari

Non ho visto nessun commento e nessuna richiesta di spiegazioni!...sono un po'deluso!
Tocca a me dare allora qualche spiegazione. I miei scenari, come ho detto in altre occasioni, sono il risultato di un continuo studio su nuove soluzioni grafiche per ottenere immagini sempre più vicine alla realtà. Ma purtroppo ci sono tanti limiti e soprattutto teniamo conto che chi ha costruito FS, ha dato maggior importanza, come ovvio, a tutto quello che è simulazione del volo...dove l'aereo è il vero protagonista.
Lo scenario è solo un abbellimento, un qualche "cosa" che deve "richiamare" la realtà, senza nessuna ambizione di esserlo. Molti di noi invece, sono solo dei semplici smanettoni per quanto riguarda il Volo (lontano anni-luce dall'essere dei piloti) e quindi sempre alla ricerca del panorama (visto dall'aereo) per riconoscere dei posti famosi o che ricordano qualche nostra vacanza! Insomma siamo "quelli che guardano fuori dal finestrino"...
Fatta questa doverosa premessa, torniamo ai limiti di FSX. Allora come avrete visto più volte, FSX aggiunge ombre, macchie, e quant'altro a tutti gli scenari, cercando di "imitare" gli effeti della luce solare nelle varie ore della giornata. In alcuni casi questo è un qualcosa di inguardabile! Nei miei scenari le ombre ci sono già, che derivono dalle foto che utilizzo, quindi, per vedere al meglio lo scenario occorre sapere l'ora ideale. Vi dico subito che i miei scenari andrebbero visti quasi tutti nella stagione estiva (anche se le immagini possono essere invernali) e nelle ore centrali del giorno (tra le 11 e le 14). Vedere il Cervino nelle ore serali e magari in stagione invernale ,non fa certo l'effetto che speravate! Non so se sto dicendo qualcosa di banale (per alcuni certamente) ma è anche ovvio che non tutti sanno tutto. Inoltre alcuni fastidiosi effetti, specialmente le sfocature (effetto blurry) è sempre stato e sempre sarà un difetto di FS, lo scenario di per sè è sempre nitidissimo e ben contrastato, è prorio il motore grafico di FS che non permette la nitidezza soprattutto da lontano.Un altro difetto importante è, in molti casi , l'assenza o la scarsa precisione delle mesh (livelli del terreno), io utilizzo mesh a 19 mt. (vuol dire che tra un punto di livello e l'altro ci sono 19 mt.) può certamente capitare che alcune montagne risultano mancanti (vedi Torri del Vajolet nel Catinaccio, il "pollice" nella Centrale del Sassolungo, le stesse Tre cime di Lavaredo completamente sbagliate etc...)quando avremo mesh a 7 mt. forse tutti i problemi saranno risolti! Quindi accettando questi limiti, tutto quello che gli "sceneggiatori" propongono, va valutato conoscendo questi difetti, che non dipendono affatto da chi ha creato lo scenario.
Volevo fare questa precisazione, proprio perchè mi sono accorto che molti non conoscono quasi nulla di FSX ; ho ricevuto alcune e-mail a questo proposito, dove mi venivano mosse critiche soprattutto su ombre, macchie e sfocature...che non dipendono assolutamente da me (basta cambiare ora e stagione).
Insomma godetevi il Cervino tra le 11 e le 14 e in piena estate!! come la foto sotto!

3 commenti:

Vigilius ha detto...

Bravo Frank, hai fatto bene a spiegare e non essere deluso per la mancanza di commenti, siamo in Italia: la gente guarda i tuoi lavori, prende e va via subito a volare! Il blog non è una chat e forse è meglio così

botia ha detto...

guardare fuori dal finestino è una delle cose più belle, per me, che permette il simulatore.
a dimostrazione di ciò ti ho seguito sul tuo nuovo blog certo delle tue capacità. commenti? mom sono un tecnico per chiederti delle spiegazioni nè mi interessano essendo solo un usufruitore di scenari fotorealistici.
dirti bravo? eh beh lo sei veramente, credo di avertelo detto molte volte volte già appena visto i primi tuoi lavori.
non posso che ribadire che credo molto nel fotorealismo anche se ora come ora deve risolvere problemi che le texture non pongono.ma, a mio avviso, questa è la strada.
ci sono molte persone che la percorrono, tutte brave, ma tu sei il cesellatore

notus ha detto...

Ottimo lavoro davvero! Complimenti!
ALmeno adesso volare in montagna è molto più piacevole!